sublimazione header img

 

Questa è la nostra professione

 

Ogni azienda ha un core business. In pratica un’attività principale, quella con cui è nata e che in molti casi l’ha portata al successo e al riconoscimento da parte del pubblico e dei clienti. Così è anche per Verbar, che sin dagli inizi sviluppa la sua attività attorno alla verniciatura del vetro e della plastica. Materiali che si possono verniciare in tanti modi, perché tanti sono gli usi che se ne possono fare. Verbar lo sa bene, se non altro in quanto prima realtà italiana a eseguire la verniciatura del vetro. Questo vuol dire molto: significa infatti aver imparato un mestiere alla perfezione, tanto da aver dato il via a un mercato del tutto nuovo

 

Oggi, in Verbar la verniciatura del vetro e della plastica è permessa da ben tre linee di produzione, dedicate a lavorazioni diverse tra loro: due single-line (in cui cioè ogni pezzo viene trattato singolarmente) e una a telaio (in cui i pezzi vengono verniciati contemporaneamente). Una delle due single-line è dotata inoltre di un impianto di lavaggio in testa: i prodotti casalinghi, a cui è riservata questa linea di verniciatura, provengono infatti da lavorazioni sporche da eliminare prima del trattamento.

La linea di verniciatura senza lavaggio iniziale è invece impiegata per i prodotti cosmetici, generalmente puliti all’ingresso in azienda.

I pezzi da verniciare a telaio – normalmente di maggiori dimensioni – sono invece montati insieme su un’unica struttura a grappolo, dove poi subiscono un trattamento a spruzzo cui segue il passaggio in forno per l’essiccazione.

 

Quanto agli effetti estetici, Verbar è in grado di eseguire diverse tipologie di trattamento: lucida, opaca, dégradé a due o tre colori, soft touch, a effetto acidato e cromo. In ogni caso il risultato è assicurato: grande impatto estetico, piacevole effetto al tatto, resistenza all’alcool e ai cicli di lavaggio (per i prodotti casalinghi). E naturalmente ridotto impatto ambientale, grazie all’impiego di tecnologie e prodotti ecocompatibili, con una netta preferenza per le vernici all’acqua. Cosa chiedere di più.

 

PER GLI OCCHI E PER IL TATTO

- finiture lucide

- finiture opache

- finiture dègradè (a due o tre colori)

- effetto soft touch (effetto "gommoso" al tatto)

- effetto acidato

- effetto cromo